Del colloquio di lavoro e di un incidente nucleare

Sei rimasto a casa dal lavoro perché devi sostenere, questa mattina, un importante colloquio presso una grande società di ingegneria che ha gli uffici posti in prossimità del centro della città. Tua moglie è già uscita di casa ma ti ha lasciato la caffettiera sul fornello per velocizzare il tuo, sempre problematico, risveglio. L’ha già riempita di caffè ben tostato ma si è, purtroppo, dimenticata dell’acqua. Accendi il gas e, dopo un po’, avverti un odore di gomma bruciata. La guarnizione è danneggiata e la valvola di sicurezza della parte inferiore della caffettiera irrimediabilmente rotta. Dato che non è proprio pensabile che tu possa sostenere un colloquio di lavoro senza la tua dose di caffeina quotidiana, rovisti nell’armadio della cucina fino a quando ritrovi una vecchia moka.

La tua salvezza.

La riempi d’acqua, premi per bene il caffè sopra, e aspetti il gorgoglio familiare, guardando con una certa apprensione l’orologio posto sul tavolo.

Bevi il caffè in velocità.

Ora sei pronto per l’importante impegno che ti attende.

Ti precipiti fuori dalla porta ma, quando arrivi all’auto, ti accorgi di aver lasciato sia le chiavi dell’automobile, sia quelle di casa… dentro casa.

Maledizione.

Ok, niente panico, sei previdente, in fondo conservi sempre una seconda chiave di casa in un luogo segreto che conosci solo tu (questa, di fatto, rappresenta una misura di sicurezza ridondante, spieghi sempre nei tuoi corsi). Fai mente locale, ti appresti a risalire le scale ma un pensiero sconfortante ti assale. Hai prestato la “chiave di emergenza” ad un tuo amico che avrebbe dovuto restituirti dei libri ma non sapeva quando sarebbe passato di là (ha cambiato di recente città, infatti).

Tu e tua moglie non siete quasi mai in casa (troppo lavoro, troppi impegni, troppi casini) e il tuo amico avrebbe potuto restituire il prezioso ed introvabile manuale di sicurezza industriale solo in questo modo.

Insomma, gli eventi che non ti consentono di utilizzare né la chiave normale né quella di emergenza sono stati generati da una unica causa comune: te stesso. Tecnicamente sei una “Common Cause Failure”, CCF, diresti proprio tu nei tuoi corsi.

Si sta facendo tardi, ma c’è sempre l’auto del tuo vicino. Un signore in pensione che usa la macchina una volta al mese e la mantiene in buona efficienza.

Bussi alla sua porta.

Ti apre e ti guarda come se fosse sveglio da ore, ormai.

Racconti brevemente quanto ti è accaduto.

Lui gentilmente ti risponde che si, presterebbe la propria auto ad un “giovanotto” come te, ma la sua gloriosa FIAT ha l’alternatore guasto, l’elettrauto se l’è portato via la scorsa settimana e, proprio oggi pomeriggio, viene a rimontarlo.

“Cavolo”, pensi, “un altro sistema di backup non ha funzionato”. Peraltro questo, a differenza dell’altro, senza alcuna causa comune alla radice. Tu e l’alternatore dell’auto del tuo vicino di casa non siete in relazione né diretta, né indiretta.

Sconsolato, ormai, ti rassegni a prendere l’autobus ma… c’è un “ma” anche questa volta. Il tuo vicino (diavolo di un vicino!) ti informa che c’è uno sciopero generale dei bus proprio oggi. In effetti, facendo mente locale, ricordi di aver sentito alla radio che c’era un’agitazione in atto da tempo. Gli autisti si rifiutano di guidare dei mezzi che sono, a loro dire, non sicuri. Questa protesta, inoltre, porta con sé anche una rivendicazione salariale.

Avverti un sottile fremito alla bocca dello stomaco e telefonando alla stazione dei taxi, ti rendi conto che non ce n’è nessuno disponibile. Lo sciopero dei bus ha generato la penuria di taxi. Comprendi immediatamente che questi eventi sono, tra loro, strettamente connessi. Fortemente accoppiati, direbbe il professor Charles Perrow, lo scienziato sociale che postulò, negli anni ’80, la “normalità” nell’accadimento degli incidenti industriali (Normal Accident Theory, NAT).

Non ti resta altro da fare che chiamare mestamente la segretaria della società di ingegneria che ti aveva contattato la scorsa settimana e, sconsolato, cerchi di spiegare cosa ti è capitato. La signora Blücher, Frau Blücher (si, come quella dei cavalli di “Frankenstein Junior”. In fondo la società che ti ha chiamato è tedesca) ti ascolta in silenzio e risponde che “si, è un po’ strano. Ne prenderò nota e trasmetterò l’informazione. La contatteremo di nuovo noi, non si preoccupi”.

Nel file del tuo profilo, tra le annotazioni, scriverà: “Persona inaffidabile”.

Chiediamoci ora: Qual è stata la causa principale di questo “incidente”? Perché, cioè, hai perso l’opportunità di un nuovo lavoro?

1) Errore umano (es. dimenticarsi l’acqua del caffè, dare le chiavi di emergenza al proprio amico)?

2) Guasto meccanico (es. alternatore dell’auto)?

3) Ambiente (es. sciopero dei bus e taxi introvabili)?

4) Errore di progettazione del sistema (es. possibilità di rimanere chiusi fuori casa, impossibilità di sopperire allo sciopero dei taxi)?

5) Procedure utilizzate (es. lasciare il caffè sul fornello, ecc.)?

Hai risposto?

Rivelo ora un segreto: questo racconto è, in metafora, quanto realmente accaduto, nel 1979, nel corso del disastro nucleare di Three Mile Island, il primo grande incidente con fusione del nocciolo della storia della generazione elettronucleare moderna.

Dunque, se hai risposto “SI” alla prima domanda ti sei orientato come i periti della Commissione Presidenziale incaricata di accertare le responsabilità.

Se invece hai risposto “SI” alla seconda domanda hai giudicato le responsabilità come i gestori dell’impianto nucleare, la Metropolitan Edison.

Se, infine, hai detto “SI” alla quarta domanda, hai avuto la medesima idea dei tecnici dell’Essex Corporation incaricata dall’NRC (Nuclear Regulatory Commission) di far luce sull’incidente.

Secondo Charles Perrow, invece, la migliore risposta da dare è “Nessuna delle precedenti”.

La causa dell’incidente è semplicemente data dalla complessità del sistema che possiede forte interattività e accoppiamento tra le variabili in gioco. In queste situazioni un incidente è “normale”.

Tornerò in futuro su questa interessante teoria.

Liberamente tradotto ed adattato da: Perrow C., Normal Accidents: Living with High-Risk Technologies, Princeton University Press (USA), 1999

© Marzio Marigo

Share

Un pensiero riguardo “Del colloquio di lavoro e di un incidente nucleare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.